Ford Motor Company
Vetratura diretta ecocompatibile

Alla ricerca di una soluzione per eliminare le emissioni di VOC nel processo di incollaggio dei cristalli, i ricercatori Ann Straccia e Larry Haack del Centro di Ricerca e Innovazione (Research and Innovation Center - RIC) della Ford Motor Company di Dearborn, Michigan (USA), hanno sviluppato una pionieristica alternativa al tradizionale pretrattamento chimico per l’incollaggio dei parabrezza.

Applicazione

L’incollaggio dei cristalli nell’industria automobilistica è un processo complesso. Il rivestimento ceramico perimetrale applicato sul vetro mediante stampa serigrafica deve essere incollato su una superficie metallica verniciata a polveri. Per ottenere un’adesione stabile nel tempo dell’adesivo è prima necessario pulire e attivare il rivestimento ceramico che, oltre ad avere una funzione estetica, serve a proteggere l’adesivo dai raggi ultravioletti del sole e quindi dall’invecchiamento precoce.

Finora per pretrattare il rivestimento ceramico si utilizzavano in tutto il mondo primer e attivatori chimici che contengono un’elevata quantità di solventi e producono molte emissioni di gas VOC, a livelli oggi intollerabili in un’officina di produzione. A ciò si aggiunge il fatto che il primer viene in generale applicato con un feltro morbido, spalmandolo manualmente o con un braccio robotizzato, e quindi con metodi delicati e facilmente soggetti ad anomalie.

Con il nuovo metodo sviluppato da Ford, l’intero pretrattamento chimico a umido è sostituito dal sistema di polimerizzazione Openair® PlasmaPlus®. Il primo passo consiste nel trattare la ceramica serigrafata con gli ugelli del plasma rotanti per ottenere una buona micropulizia e un alto grado di attivazione. Subito dopo si procede alla deposizione del nanorivestimento PlasmaPlus® e, come ultima operazione, si applica l’adesivo.

“Questo nuovo processo brevettato permette di ridurre i costi operativi, perché per realizzare il nanostrato promotore di adesione è necessaria una quantità nettamente inferiore di materiale e perché con la completa automazione del processo il lavoro risulta molto meno intenso”, afferma Haack. “Inoltre tutto ciò che serve a ridurre la dipendenza dai prodotti chimici, inclusi i VOC, ha una valenza positiva.”

I riscontri positivi

L’uso del plasma Openair® assicura all’utilizzatore i seguenti vantaggi:

  • tecnologia ecocompatibile e a basso costo
  • completa eliminazione dei prodotti chimici contenenti solventi (primer, attivatori)
  • nessun rifiuto da smaltire
  • soppressione di due fasi operative
  • completa automazione del processo
  • riduzione dei costi dei materiali
  • riduzione dei costi di esercizio.


Ford Motor Company
www.ford.com

Provate le possibilità offerte dal plasma atmosferico alla vostra produzione.
Diventate partner dell’attività di sviluppo di Plasmatreat!

Plasmatreat Italia s.r.l.
Vega Parco Scientifico E Tecnologico di Venezia
Centro Direzionale Ubra
Via Pacinotti 4/A
30175 Venezia – Marghera

Tel. +39 041 5314727
Fax +39 041 5327611

Giovanni.Zambon@plasmatreat.de

Glasstec 2016
Glasstec 2016
International Trade Fair for Glass Processing, Production and Products

20. – 23. settembre 2016
Hall 11, Booth G46
Düsseldorf, Germany

Micronora 2016
International microtechnology and precision trade fair

27. – 30. settembre 2016
Micropolis / Parc des Expositions
Besancon Cedex, France

Language